home escort, tradimenti Mia moglie è una escort

Mia moglie è una escort

occhio 5142

Gli amici mi definiscono un ribelle per natura perché conoscono la mia filosofia di vita che mi ha visto in giro per il mondo ad esplorare luoghi e conoscere culture differenti anche grazie alla mia attività. Sono amici che amo definire ‘storici’ dal momento che sono oltre vent’anni che ci frequentiamo nei quali abbiamo condiviso letti, donne, pericoli, risate e sbornie.
Amici che quando hanno saputo della mia intenzione di sposarmi con Erika, sono rimasti interdetti perché increduli che una femmina – per quanto coinvolgente fosse – avesse potuto mettermi nel sacco.
Fatto sta che Erika è una donna speciale. Oltre che bella è anche molto intrigante e la sua voglia di fare sesso è sempre stata un fattore dominante della sua vita. Con lei mi sono sentito soddisfatto sotto ogni punto di vista perché è riuscita (e riesce ancora) a dimostrarsi una complice al 100% soprattutto in quel vortice di desiderio senza limiti che siamo capaci di avere nonostante una decina di anni di matrimonio sulle spalle.
A 38 anni il suo fisico è ancora quello di una ragazza: baciata da madre natura ma anche attraverso la sua costanza di fare sport, il suo seno è eretto come quando la conobbi e il suo sorriso illuminato da una malizia sexy che è una sua costante. Amante della lingerie di classe ma mai volgare, Erika è sorprendentemente eccitante ed è difficile che ragazzi e uomini non si rigirino per guardarla mentre passa, sognando di affondare di piacere in quella tenera carne color ambra.

Free porn videos

Un compleanno speciale nel locale notturno

Sono arrivato a festeggiare 40 anni: una tappa che non mi sento sulle spalle ma che anagraficamente c’è tutta e, per resettare una possibile fase di depressione per essere giunto agli ‘anta’, gli amici di sempre hanno deciso di organizzare una festa in mio onore in un locale notturno alla moda dove – così mi hanno accennato – si trovano tante provocanti escort con le quali divertirsi. La loro idea (io li conosco bene e so dove vanno a parare!) è quella di offrirmi una sorta di ‘addio al celibato’ attraverso una serata no limits in quel locale notturno che hanno scelto per l’occasione. Ovviamente non mi hanno detto nulla ma dai loro sguardi so bene che ci sarà una sorpresa sicuramente.
Raramente ho frequentato locali notturni perché amo vivere la notte in altro modo ma devo confessare che l’atmosfera particolarmente calda mi ha conquistato immediatamente. Avevamo preso possesso di un tavolo nella miglior posizione dalla quale si dominava la sala che era illuminata in modo caldo e studiato per intrigare i clienti che avevano la possibilità di assistere a degli spettacoli di lap dance condotti da seducenti ragazze in topless che, proteggendo il volto con una mascherina per nascondere la loro identità, non avevano problemi nel passare tra un tavolo e l’altro, eccitando il ‘fortunato’ di turno.
Le bottiglie di champagne si susseguivano ininterrottamente rendendo molto allegra la nostra brigata di amici che stava rivangando i vecchi tempi e le avventure condivise ma non disdegnando di ammirare con dovuto desiderio, le varie ballerine che si inerpicavano sulla barra di acciaio compiendo evoluzioni di ogni tipo.

Free porn videos

Un, due, tre…la sorpresa sexy c’è

Erano scoccate le due e tutti noi eravamo su di giri come su di giri appariva anche l’atmosfera che aveva virato decisamente verso toni esplicitamente invitanti al sesso. Le ragazze sul palco si contorcevano mettendo tutto in mostra senza più alcun limite e dal topless si era passati decisamente al nudo integrale a volte ‘contaminato’ da un paio di autoreggenti e di scarpe con tacchi a spillo.
La goliardia di un tempo si era rifatta viva nel nostro gruppo di amici scanzonati e davamo un punteggio ad ogni ragazza che si esibiva nella lap dance, valutando soprattutto il grado di erotismo che riusciva a farci raggiungere. Il mistero della mascherina offriva un sapore di qualcosa di proibito nonostante la nudità del corpo che si offriva al pubblico. Molti uomini sventolavano banconote per invitare le ragazze ad avvicinarsi e per toccarle e, devo dire, che gli euro sparivano immediatamente in cambio di una strizzatina di tette o di una carezza ancor più intima.
Fu verso le tre della mattina che apparve lei. Una femmina bellissima che indossava calze tenute su con reggicalze che evidenziava una guepiere da urlo che avrebbe meritato di essere tolta immediatamente. I capelli, raccolti in una crocchia, non lasciavano individuare molto di questa donna dal fisico perfetto ma dal volto totalmente celato dietro ad una maschera che non lasciava intuire nulla. In modo calibrato e molto sexy, la donna cominciò a danzare in un modo così sensuale che nessun’altra prima di lei era riuscita. Lentamente iniziò a spogliarsi facendo aumentare l’attenzione di ogni presente in sala, tra urla di approvazioni e richieste varie.
Quando rimase nuda e tutto il pubblico era sicuramente eccitato senza alcun ritegno, questa splendida interprete cominciò a passare tra i tavoli lasciandosi toccare senza alzare alcuna obiezione, tutt’altro!
Quando giunse al mio tavolo, si fermò a guardarmi e poi, come se nulla fosse, passò la sua mano tra le mie gambe fino a raggiungere la mia più totale eccitazione. Poi, slacciò la patta dei miei pantaloni e si inginocchiò per farmi un grande regalo di compleanno. Che stupenda escort! E che locale notturno! I miei pensieri si arrestarono solo quando, terminato il servizio, la donna scostò la mascherina di velluto per lasciar intravedere il suo viso: era la mia Erika!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *